Ultimi argomenti
» Il cammino dell’estate
Mer Lug 25, 2012 11:43 am Da Amministratore

» Esercizi Spirituali FRATERNITA' CL 2012
Ven Mag 04, 2012 10:40 am Da Amministratore

» Colletta Alimentare 2011
Mer Nov 30, 2011 1:09 pm Da Amministratore

» SDC di don Carron
Lun Ott 10, 2011 12:43 pm Da Amministratore

» Incontro tenuto da Julian Carron a Verona
Mar Set 27, 2011 12:08 pm Da Amministratore

» Giornata d'inizio anno 2011
Mar Set 27, 2011 12:02 pm Da Amministratore

» con gli occhi degli Apostoli
Ven Set 09, 2011 11:14 am Da Amministratore

» Meeting 2011
Mar Set 06, 2011 11:58 am Da Amministratore

» suicidio Monicelli
Lun Dic 06, 2010 7:59 pm Da gab

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
Fondatore:

scuola di comunità
3D Live Statistics
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Il cammino dell’estate

Mer Lug 25, 2012 11:43 am Da Amministratore

Riporto un brano tratto dall'editoriale di Tracce n.7 di luglio/agosto 2012 che mi ha particolarmente colpito.
Spero sia così anche per te che stai leggendo questo post.

... qui entra in gioco un altro fattore. Legato proprio a questa parola: «Cammino». Non è scontato farlo. Non è ovvio affrontare la realtà partendo da lì. Davanti alle sfide di quest’anno (la crisi, le inchieste, la politica) «ci siamo trovati tante volte spostati, confusi», sottolineava lo stesso Carrón: «Dire “io” era la cosa meno scontata. Anche avendo in anticipo la “chiave” per entrare». Le cose non accadono a caso: «Nella vita di chi Egli chiama Dio non permette che accada qualcosa se non per la maturità, per una maturazione di coloro che Egli ha chiamati», diceva don Giussani. «Ma chi di noi ha pensato che quello che succedeva era per la nostra maturazione?».
Maturazione. Ecco la sfida. Ed ecco il cammino che ci si para davanti, anche in queste settimane. Tutto quello che accade - tutto: grandezze e miserie, bellezza e problemi - «mi chiede di prendere posizione», proseguiva Carrón: «Posso rimanere al fatto che è un ostacolo o posso usarlo come strumento di una maturazione».
E il bello è che non è già deciso: «Dobbiamo deciderlo noi questo: se usarlo in un modo, incastrarci nell’obiezione, o come occasione per altro». Se affondare o camminare. Avvitarci su noi stessi e sulle nostre idee, o maturare. Non lo decidono le cose: lo decidiamo noi. «La nostra libertà». La persona.
C’è qualcosa di più grande per cui vale la pena gioire o soffrire, lavorare o riposare, camminare in montagna o ritrovarsi al Meeting? La partita è aperta. Buone vacanze. E buon cammino.


Commenti: 0

Sondaggio
Forum
Santo - Onomastico del giorno offerto da PaginaInizio

Chi è in linea
In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 17 il Dom Gen 04, 2015 2:19 am
Statistiche
Abbiamo 21 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Jacopo Moscato

I nostri membri hanno inviato un totale di 48 messaggi in 44 argomenti